“Sei troppo magra.” “Ma perchè non ti metti a dieta?” “Figlia mia che fianchi grandi che hai, ma dove vai in giro così!?” “Sembri malata!”. Potrei continuare all’infinito. Si chiama #bodyshaming ed è, in poche parole, un meccanismo che permette a chi non vuole mettersi in discussione, di pulirsi la coscienza puntando il dito su di te. Un meccanismo che in un bambino può scatenare reazioni gravi, minare l’autostima, portare a disturbi alimentari e depressione. Un qualcosa che accade in rete, ma anche in un negozio qualunque, anche dentro casa. Come se la gente si sentisse autorizzata a sottolineare i tuoi difetti perchè non ne ha. O meglio, è più semplice ingigantire quelli degli altri. Perchè magari sono in sindrome metabolica, ma tu sei quella sbagliata. “Io dovrei dimagrire, ma tu sei troppo magra, così no eh!” “Guardati con quel vestito non ti vergogni, sei obesa!”. E tu invece di reagire inizi a guardarti allo specchio, ad essere ossessionata da un minimo gonfiore perchè come lo noti tu lo notano gli altri, e un chilo in più o uno in meno diventano il metro di misura della tua preparazione, della tua interiorità. Non sappiamo cosa c’è dietro un percorso personale, non siamo nessuno per giudicare. Non lo facciamo nemmeno noi professionisti che dobbiamo prendere atto e accompagnare per mano qualcuno in un percorso delicato di accettazione di se stesso e di salute. Allora la prossima volta che vi viene di istinto giudicare l’aspetto fisico di qualcuno che magari si uccide in palestra per sentirsi accettato nel suo corpo, o magari ha provato a dimagrire e non riesce a controllarsi, provate a respirare e a concentrarvi sulla vostra vita, sui vostri problemi di salute e a mettervi in discussione. Perchè l’unico vero modo di aiutare qualcuno, se proprio volete farlo, è quello di aiutarlo ad amarsi. Ma per farlo ci vuole #coraggio. Per farlo ci vogliono gli #attributi. E non è discriminando o giudicando che si instaura un qualcosa nell’altro che porta a reagire. NO. Forse quelle parole potrebbero fare davvero male, forse cadono in un momento non proprio felice, forse vengono dette dopo sacrifici fatti senza risultato perchè ci sono cause più profonde dietro. Allora la prossima volta, invece di offendere per quei chili in più o in meno, spiega cosa significa mangiare bene e amarsi. Dai per prima il tuo esempio. Ci vuole solidarietà, soprattutto tra donne. Ci vuole sorellanza per sostenersi invece di affondarsi. Quante di voi hanno il coraggio di farlo? #STOPBODYSHAMING #selfcare Dott.ssa Sara Valente Biologa Nutrizionista
Condividi l'articolo con i tuoi contatti